Print Friendly, PDF & Email

I ricercatori della Stanford University School of Medicine hanno presentato i risultati preliminari di Apple Heart Study, uno studio virtuale senza precedenti con oltre 400.000 iscritti. I ricercatori hanno riferito che la diagnosi di fibrillazione atriale è stata confermata negli Stati Uniti.

Lo studio è stato lanciato con la sponsorizzazione da parte di Apple a novembre 2017 per determinare se un dispositivo mobile può essere utilizzato per monitorare la frequenza cardiaca. La condizione rimane spesso nascosta perché molte persone non avvertono i sintomi.

Complessivamente, solo lo 0,5% dei partecipanti ha ricevuto notifiche irregolari di impulsi, un importante riscontro di dubbi sulla potenziale sovra notifica. Il confronto tra la rilevazione irregolare del polso e le registrazioni di patch per elettrocardiografia simultanea ha mostrato che l’algoritmo di rilevamento del polso ha un valore predittivo positivo del 71%. L’84% delle volte, i partecipanti che hanno ricevuto notifiche irregolari di polso sono stati trovati in fibrillazione al momento della notifica.
Un terzo dei partecipanti che hanno ricevuto notifiche irregolari del polso e seguito da un cerotto ECG avevano maggiori probabilità di avere una fibrillazione atriale. Poiché la fibrillazione atriale è una condizione intermittente, non sorprende che non venga rilevata nel successivo monitoraggio delle patch ECG. Il 57% di coloro che hanno ricevuto cure mediche.

“I risultati di Apple Heart Study evidenziano il potenziale ruolo che la tecnologia digitale innovativa può svolgere nella creazione di una maggiore assistenza sanitaria preventiva e preventiva”, ha affermato Lloyd Minor, MD, Preside della Stanford School of Medicine. “La fibrillazione atriale è solo l’inizio, poiché questo studio apre la porta a ulteriori ricerche sulle tecnologie indossabili e su come può essere usato per prevenire la malattia prima che colpisca: un obiettivo chiave di Precision Health”.

Per lo studio, a ciascun partecipante era richiesto di avere un Apple Watch e un iPhone. Il più recente Apple Watch, che presenta un ECG incorporato, non faceva parte dello studio, poiché è stato rilasciato dopo il lancio dello studio. L’app Apple Heart Study ha controllato a intermittenza il sensore di pulsazioni della frequenza cardiaca per un impulso irregolare. Se è stato rilevato un impulso irregolare, il partecipante è stato contattato dagli Stati Uniti. I partecipanti sono stati quindi condannati a patch ECG attraverso BioTelemetry, che ha registrato il ritmo elettrico dei loro cuori per un massimo di una settimana.

I principali ricercatori della Stanford Erano Mintu Turakhia, professore associato di medicina cardiovascolare, e Marco Perez, professore associato di medicina cardiovascolare, e la carne studio è stato Kenneth Mahaffey, MD, professore di medicina cardiovascolare.

“I risultati dello studio hanno il potenziale per aiutare pazienti e medici a capire come monitorare la loro condizione, così come la loro capacità di trattare la fibrillazione, una malattia mortale e spesso non diagnosticata”, ha detto Turakhia. “Il design virtuale di questo studio fornisce anche una solida base per esplorare le implicazioni sulla salute della tecnologia indossabile”.

“Le prestazioni e la precisione che abbiamo osservato in questo studio forniscono importanti informazioni sulla comprensione del potenziale impatto della tecnologia indossabile sul sistema sanitario”, ha affermato Perez. “Ulteriori ricerche aiuteranno le persone a prendere decisioni più consapevoli sulla salute”.

Hanno contribuito allo studio anche i ricercatori del Lankenau Heart Institute, del Jefferson Medical College, della University of Colorado School of Medicine, della Cooper Medical School della Rowan University, di StopAfib.org, della American Foundation for Women’s Health e della Duke University.

Share Button