Print Friendly, PDF & Email

Lo stress è il secondo tra i problemi di salute legato all’attività lavorativa e nei 28 Stati membri dell’Unione Europea colpisce quasi un lavoratore su quattro. Più della metà delle giornate lavorative perse è dovuta a stress e per sette lavoratori italiani su dieci le cause più comuni sono legate alla riorganizzazione del lavoro, al carico e alle ore di lavoro.
Secondo l’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, i rischi psicosociali e lo stress lavoro-correlato rappresentano una delle sfide principali con cui è necessario confrontarsi nel campo della salute e della sicurezza sul lavoro in quanto hanno considerevoli ripercussioni sulla salute delle singole persone, ma anche su quella delle imprese e delle economie nazionali.

La misura dello stress psico-fisico durante l’attività lavorativa sui luoghi di lavoro è la funzione principale di “W@W”, Wellness at Work, un progetto co-finaziato dal Programma operativo regionale del Fondo europeo di sviluppo regionale Toscana 2014-2020, bando n° 2: Progetti di ricerca e sviluppo delle MPMI condotto dai ricercatori del Centro IRCCS Don Gnocchi di Firenze, in partnership con Università di Firenze, ERAM Together, SMARTEX, Shin Teck Information Tecnology e Orthokey.
Obiettivo di Wellness@Work è supportare la qualità e l’efficacia dei processi lavorativi fornendo uno strumento innovativo per il monitoraggio delle condizioni fisiologiche e psicologiche dei lavoratori, avendo come sviluppo futuro la possibilità di individuare preventivamente cause di malessere sia fisico sia psichico nello scenario lavorativo.

In concreto, il progetto prevede la registrazione e il monitoraggio di alcuni parametri del lavoratore, come l’attività cardiopolmonare, la postura, l’attività fisica ed eventuali movimenti ciclici e ripetuti. Questi segnali sono acquisiti da sensori indossati dal lavoratore stesso. I segnali dei sensori sono letti da un dispositivo elettronico portatile per l’acquisizione, elaborazione e trasmissione dei dati. Il sistema consente di misurare questi parametri oggettivi, marcatori di stress sia di natura fisica che psichica, e di correlarli con parametri soggettivi, percepiti dal lavoratore come fonte di malessere, acquisibili mediante l’uso di applicazioni personalizzabili su piattaforme mobile. Il sistema rileva non solo lo stress psico-fisico durante l’attività lavorativa ma funziona anche come sistema di feedback, in grado di fornire al lavoratore suggerimenti e stimoli per conservare e migliorare il proprio benessere e gestire al meglio l’efficienza lavorativa riducendo i comportamenti a rischio. A questo scopo, è iniziata di recente una fase di test del sistema in condizioni reali su lavoratori del settore sanitario, nello specifico fisioterapisti, presso l’IRCCS della Fondazione don Carlo Gnocchi di Firenze.

Nessun articolo correlato
Share Button