Al Cardinal Massaia una colonna endoscopica di ultimissima generazione

Print Friendly, PDF & Email

Una colonna endoscopica di ultima generazione, una delle prime di questo genere consegnata in Piemonte, con una capacità di definizione 4 volte superiore al normale HD. E’ l’ultima donazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Asti all’Ospedale Cardinal Massaia.
Si tratta di una colonna Olimpus Visera Elite 2 ed è un’apparecchiatura di ultimissima generazione “e permette di fare due cose fondamentali – illustra il direttore della Struttura di Chirurgia Vincenzo Sorisio – per prima cosa ci consente di vedere la vascolarizzazione dell’intestino nella chirurgia dei tumori del colon e, non meno importante, permette il rilevamento del linfonodo sentinella”
L’innovativa apparecchiatura verrà utilizzata per interventi chirurgici sempre più mirati e meno invasivi ed è un preziosissimo strumento che consente di eseguire diversi tipi di interventi in laparoscopia. Una tecnica che, grazie alla mini invasività, presenta numerosi vantaggi rispetto alla chirurgia tradizionale: riduzione del dolore postoperatorio, diminuzione delle perdite ematiche e del rischio di infezioni, decorso post-operatorio molto più rapido con minore dolore e degenza generalmente limitata a pochi giorni, risultati estetici nettamente migliori.
“Prima in Italia 3D HD con sistema 4K reali che ci consente una altissima visione – spiega Maggiorino Barbero, Direttore del Dipartimento Materno infantile – ha un sistema ICG che consente di utilizzare la tecnica di ricerca del linfonodo sentinella con il sistema colorante ‘Verde indocianina’. Invece di togliere tutti i linfonodi come facciamo ora ma solo quello colpito consente di utilizzare la stessa tecnica che viene da tempo utilizzata per il tumore alla mammella.”.
“Questa nuova tecnologia – afferma il direttore generale dell’Asl AT Ida Grossi – arricchisce l’offerta che Asti è in grado di dare come punto di riferimento per la chirurgia generale e per la rete oncoginecologica della territorio astigiano ma non solo. Siamo davanti a una chirurgia meno invasiva e sempre più laparoscopica che consente interventi mirati e meno dolorosi e con tempi di recupero più rapidi”.

Nessun articolo correlato
Share Button