Print Friendly, PDF & Email

“Dislessia liberi di apprendere” questo il titolo del prossimo Congresso Nazionale di Associazione Italiana Dislessia, giunto alla XVII edizione, per fare il punto sullo stato dell’arte nell’ambito dei disturbi specifici dell’apprendimento, che in Italia interessano circa 2.000.000 di persone.
Il titolo di questa edizione si ispira a quanto affermato da Gianni Rodari: “vorrei che tutti leggessero, non per diventare letterati o poeti, ma perché nessuno sia più schiavo”. Un ragazzo con DSA è sempre libero di scegliere il proprio futuro? I due giorni di Congresso proveranno a rispondere a questa domanda, affrontando il rapporto fra i DSA e la “libertà di apprendere” attraverso un confronto aperto a studenti, genitori, docenti e professionisti del settore medico-sanitario. L’evento sarà l’occasione per guardare ai DSA non solo sotto il profilo del rendimento scolastico o degli aspetti clinico-diagnostici, ma anche della dimensione personale, di scelta di vita e di potenzialità da far emergere.
Il congresso prevede un ricco programma di interventi, incontri e workshop e vedrà il contributo di oltre 40 relatori parte del mondo accademico, istituzionale e dello spettacolo, suddivisi in 3 sessioni plenarie, 6 sessioni parallele e 2 tavole rotonde. Inoltre, l’evento sarà l’occasione per dare ampio spazio all’ascolto delle testimonianze di giovani e adulti con DSA, per aprirsi al confronto sui progetti dell’Associazione, per avvicinarsi a nuovi strumenti e metodologie capaci di promuovere autonomia nell’apprendimento e nella didattica inclusiva.
Sergio Messina, neuropsichiatra infantile e Presidente dell’Associazione italiana dislessia ha dichiarato: “Un appuntamento cardine per l’Associazione Italiana Dislessia che, in oltre 20 anni di attività, ha supportato la formazione e la ricerca sui DSA, oltre che informato e sensibilizzato su questi disturbi il pubblico tutto” – e prosegue– “AID opera su tutto il territorio nazionale attraverso l’impegno volontario di migliaia di soci, e, ad oggi, ha conseguito importanti risultati per le persone DSA, tra tutte l’approvazione della legge 170/2010, la prima a tutelare il diritto allo studio dei bambini e dei ragazzi con DSA. Il nostro impegno è continuo e oggi continuiamo a lavorare per una piena applicazione della legge, e affinché le sue tutele siano estese anche all’età adulta, in ambiti rilevanti come i test d’ingresso universitari, i concorsi pubblici e l’inserimento lavorativo”.
A presentare il Congresso e il suo articolato programma, salirà sul palco Sergio Messina, Neuropsichiatra infantile e Presidente Associazione Italiana Dislessia;Lamberto Bertolè, Presidente del Consiglio Comunale di Milano; Loredana Grimaldi, Direttore Generale Fondazione TIM, partner di AID con il progetto formativo di e-learning Dislessia Amica e di Ricardo Franco Levi, Presidente AIE.
A seguire, l’intervento di Eraldo Paulesu, Professore Ordinario di Psicologia Fisiologica e Psicobiologia, psicologo, che illustrerà come l’utilizzo di tecnologie di neuro-immagine abbia contribuito a spostare l’attenzione, nella ricerca, da interpretazioni “motivazionali” della dislessia ad interpretazioni neuro-psicologiche. Successivamente il filosofo Salvatore Natoli, che con il suo contributo affronterà il legame fra il pensiero e il linguaggio, in funzione della conoscenza e della comunicazione.
Dalle 12, l’intervento “Inclusione scolastica e DSA: Costruzione di nuovi paradigmi per un processo formativo più coerente” del docente Martin Dodman, che vedrà protagonisti i nuovi modelli di insegnamento, basati sul valore della diversità e sulla valorizzazione della persona, coerenti con l’obiettivo di una società più inclusiva e partecipativa.
A conclusione dei lavori della mattinata, l’intervento “DSA e libertà nel mondo del lavoro” a cura del Neurologo Enrico Ghidoni e della Ricercatrice Sara Bocchicchio di Fondazione Italiana Dislessia che indagheranno gli ostacoli incontrati dal lavoratore con DSA nella ricerca di un’occupazione, nel processo di selezione o di crescita professionale, ma anche i frequenti punti di forza, come creatività, intuizione, pensiero divergente e talento nell’elaborazione delle informazioni visive e spaziali.
Il convegno vedrà la partecipazione straordinaria venerdì 14 dicembre, alle ore 12, del cantautore e attore toscano Lorenzo Baglioni, per presentare in anteprima un nuovo progetto in collaborazione con AID.
Da segnalare, nel pomeriggio del 14 dicembre, la Tavola Rotonda “DSA e libertà di apprendimento dal punto di vista neuropsicologico: opportunità e limiti” che vedrà gli interventi di Giacomo Stella, Cesare Cornoldi, Stefano Vicari e Cristiano Termine, tra le figure di maggior rilievo in Italia, sotto il profilo della ricerca in ambito clinico-diagnostico sui DSA.
Nel corso della mattinata di sabato 15 dicembre, si evidenzia la partecipazione, per i saluti istituzionali, di Anna Rossomando, Vicepresidente del Senato, prima firmataria del disegno di legge 170/2010 per favorire l’inserimento lavorativo delle persone DSA. Nella stessa mattinata, interverrà Silvia Candiani, Country General Manager Microsoft Italia e Lauro Mengheri del Consiglio Nazionale Ordine degli Psicologi.

Share Button