Archivio Mensile: settembre 2017

Da Pisa una tecnica chirurgica innovativa per la cura dei tumori epatici

Si chiama P.I.S.A. e l’acronimo coincide anche con il nome della città in cui la tecnica è stata messa a punto. E’ una procedura di Radiologia interventistica complessa ma mininvasiva concepita per indurre l’ipertrofia epatica nei pazienti affetti da grossi tumori epatici primitivi o da multiple metastasi epatiche. La tecnica è talmente innovativa che, al recente congresso CIRSE di Copenhagen, il meeting europeo più importante di Radiologia interventistica con più di 6500 partecipanti da tutto il mondo, è stata premiata con un “Certificate of Merit”.
La nuova procedura è stata realizzata per la prima volta dal dottor Alessandro Lunardi, dell’Unità operativa di Radiologia interventistica, che l’ha ideata nel 2015 insieme al professor Ugo Boggi, direttore dell’Unità operativa di Chirurgia generale e trapianti dell’Aoup.
La novità, rispetto alle procedure chirurgiche più innovative e in uso da almeno 10 anni, consiste nell’indurre una ipertrofia del fegato che consenta anche asportazioni maggiori della parte malata di organo, laddove necessario, poiché crea le condizioni per lo sviluppo dell’ipertrofia del fegato sano, associando due procedure percutanee mini invasive. Questa tecnica ottiene valori di ipertrofia sovrapponibili alla procedura chirurgica, ma con ridotto rischio di mortalità e minor rischio di complicanze.
Essa associa due tecniche percutanee: la PVE, che determina una ipertrofia della porzione di fegato sano che deve rimanere al paziente, e la PISA che determina un ulteriore aumenIntervento PISA Dott Lunardi Alessandro #DrLunardi #IRad 2.pngto di volume del fegato sano, fino a raggiungere valori superiori al 100%. Questi valori di ipertrofia sono del tutto paragonabili a quelli fino ad oggi ottenuti solo mediante la chirurgia ALPPS, una tecnica chirurgica in due stadi che si utilizza da circa 10 anni e che permette di raggiungere una ipertrofia del fegato sano con valori medi dell’81%. Il problema della tecnica ALPPS chirurgica è che al momento risulta gravata da elevata mortalità e sviluppo di numerose complicanze prevalentemente correlate con il primo stadio chirurgico. La tecnica P.I.S.A. ha invece la peculiarità di rendere mini invasivo il primo stadio della ALPPS creando un piano sagittale di necrosi coagulativa mediante ablazione a microonde che permette di interrompere gli scambi portali intraparenchimali tra i due lobi del fegato, considerati un fattore limitante per lo sviluppo di ipertrofia del fegato sano del paziente. Le elevate percentuali di ipertrofia ottenute hanno reso operabili pazienti che altrimenti non sarebbero stati candidabili a resezioni epatiche maggiori. Nei primi casi trattati con la P.I.S.A., la tecnica si è dimostrata sicura in assenza di complicanze e i pazienti operati dal professor Boggi, dopo le procedure radiologiche, hanno avuto un buon decorso postoperatorio in assenza di complicanze maggiori. Questo successo è stato reso possibile anche grazie alla valida collaborazione con le Unità operative di Radiodiagnostica 1° diretta dal professor Davide Caramella, di Medicina nucleare diretta dal professor Duccio Volterrani e di Anestesia e rianimazione trapianti diretta dal dottor Gianni Biancofiore.

Primo intervento di asportazione del timo con il robot alle Molinette

E’ stato effettuato il primo intervento chirurgico in toracoscopia di timectomia robotica per miastenia gravis con l’utilizzo del sistema robotico DaVinci Xi, presso la Chirurgia toracica dell’ospedale Molinette della Città della Salute di Torino. E’ stato eseguito dall’équipe composta dai … Per saperne di più