Archivio Mensile: marzo 2015

Al MECSPE debutta il guanto robotico per gli affetti da patologie neurologiche

L’Istituto di Biorobotica della Scuola Superiore Sant’Anna, nell’ambito del progetto di ricerca Wearable interfaces for hAnd function recoverY, dopo gli studi effettuati con successo sulla protesi di mano bionica nel 2008 e nel 2014, rivolta solo a pazienti amputati, presenterà in anteprima a MECSPE un prototipo robotico indossabile, che possa essere usato da chi ancora possiede l’arto, ma non riesce più a utilizzarlo a causa di danni neurologici, in modo da raggiungere una più grande porzione della popolazione bisognosa di queste tecnologie di assistenza.
Si chiama HX, l’esoscheletro volto al recupero della funzionalità della mano post trauma con assistenza funzionale alla presa degli oggetti. Un sistema indossabile attorno alla mano del paziente, che apre le porte a milioni di persone, consentendogli di affrontare la quotidianità e i suoi numerosi ostacoli con dignità.
Dopo lo sviluppo di protesi facilmente indossabili che permettono di riacquistare l’uso e la sensazione della mano a chi l’ha perduta, con HX si affacciano anche soluzioni indossabili per coloro che hanno perso la capacità di controllarlo, facendo diventare realtà quanto fino a poco tempo fa accadeva solo nelle pellicole di fantascienza, e fornendo un aiuto concreto, in attesa della fattibilità della rigenerazione diretta dei tratti nervosi danneggiati.
Un problema che in Europa ogni anno conta 7.500 nuovi casi, e che tramite l’esoscheletro consente al paziente di riacquistare la funzionalità degli arti superiori e delle mani e il controllo dei movimenti tramite sistemi a pulsantiera e segnali elettroencefalografici.
L’attività di ricerca di WAY, coordinato dal prof. Christian Cipriani, Ordinario di Bioingegneria e Vice-Direttore dell’Istituto di BioRobotica, si è concentrata principalmente sulla definizione di un’interfaccia uomo-macchina per permettere al soggetto un controllo intuitivo di questi dispositivi tecnologicamente avanzati, in particolare sull’utilizzo di segnali EEG e su un sistema di feedback vibro-tattile. Studi di fattibilità e di usabilità, esperimenti di validazione e test in ambiente reale hanno coinvolto medici e fisioterapisti, ricercatori delle varie università, oltre che gli stessi utilizzatori finali.

Diabete in Lombardia oltre 1 miliardo di euro la spesa e più di 13.000 morti ogni anno

Il diabete in Lombardia coinvolge il 3% della popolazione tra i 46 e i 55 anni, il 7,2% tra i 56 e i 65, l’11,1% tra i 66 e i 75, complessivamente oltre 310mila cittadini lombardi. Il costo per la … Per saperne di più

Comunicazione medico-scientifica web e digitale sempre più protagonisti

In un convegno del 18 marzo scorso Domedica ha presentato e commentato i dati della ricerca Gfk-Eurisko 2014 sulla Digital Doctor Communication, condotta su 1250 specialisti e oltre 200 medici di famiglia. Più tempo i medici spendono online per aggiornarsi, … Per saperne di più

Diabete e sport il Team Novo Nordisk annuncia la partecipazione alla Milano-Sanremo

In un evento dedicato alla stampa di settore e a tutti gli stakeholder Novo Nordisk ha presentato ieri a Milano il proprio team di ciclisti professionisti diabetici e ha annunciato la partecipazione del team alla prossima edizione di una gara … Per saperne di più